Aree di Investigazione Infedeltà collaboratore False timbrature, firme e dichiarazioni
La falsificazione di una firma o di una competenza, timbrare il cartellino per un altro o dichiarare il falso sono tutti comportamenti integranti giusta causa di licenziamento.

Il dipendente che fraudolentemente simuli una propria competenza o la sua presenza sul posto di lavoro può rendersi colpevole del reato di falso, ex articolo 476 e seguenti del codice penale. Ed ogni qualvolta sul posto di lavoro sia stato commesso un reato questo giustifica il ricorso ad investigazioni aziendali.

Falsificare una firma

Tra i pronunciamenti più recenti della Cassazione riguardanti la falsificazione di una firma, c’è quello del 2015 in cui la Suprema Corte sancisce che non solo non si può modificare il contenuto di una scrittura, ma nemmeno falsificare una firma su quella scrittura. Ancora: falsificare una firma è illecito quando, a causa di quella scrittura falsificata, vengono coinvolti dei terzi. E così via, quando si falsifica la firma su una scrittura privata «taroccata» con un fotomontaggio, su un falso testamento olografo, su un falso contrassegno assicurativo, ecc.

È ancora reato falsificare la firma su un atto pubblico. Per atto pubblico si intende il documento redatto da un notaio o da un altro pubblico ufficiale con l’osservanza delle formalità richieste dalla legge.

False attestazioni di presenza

Il licenziamento con giusta causa, cioè senza preavviso, è legittimo per i dipendenti che in più occasioni timbrano l’uno per l’altro il cartellino di presenza per risultare (falsamente) in servizio.

Il licenziamento può essere comminato anche senza prova certa del fatto che i lavoratori abbiano falsificato le proprie presenze: è sufficiente che gli indizi in merito siano gravi e concordanti. È quanto stabilito dalla sezione Lavoro della Corte di Cassazione. In presenza di un legittimo sospetto, infatti, il datore di lavoro può avvalersi di un’agenzia investigativa che, installate delle telecamere occulte, potrà constatare e provare se davvero vi siano false timbrature.

False dichiarazioni

Altro caso poi è quello di chi dichiari di essere in possesso di una certificazione, competenza o titolo ma tale dichiarazione si riveli mendace.

Si potrà sostenere che il dipendente non sia più affidabile e quindi, ci si trovi nell’impossibilità di mantenere (anche temporaneamente) il rapporto di lavoro.

Gli strumenti investigativi a disposizione delle aziende vanno dalla perizia calligrafica alla telecamera occulta. A seconda della situazione e dell’esigenza verrà concordata la migliore strategia difensiva per l’organizzazione, con strumenti giuridici oltre che investigativi.

Axerta interviene in ausilio dell’azienda nella raccolta delle prove del reato di falso commesso dal dipendente, o del comportamento che configura concorrenza sleale. In ogni caso, la falsità commessa giustifica il ricorso al licenziamento per giusta causa quale provvedimento disciplinare, basato sulla lesione del vincolo fiduciario che deve sempre sussistere in un rapporto di lavoro.

NOTIZIE E
APPROFONDIMENTI

Rassegna
30 Agosto 2019
Rassegna Giurisprudenziale di Settembre-Ottobre 2019
Axerta seleziona le principali sentenze in tema di rapporti di...
Rassegna
24 Giugno 2019
Rassegna Giurisprudenziale di Luglio-Agosto 2019
Axerta seleziona le principali sentenze in tema di rapporti di...
Approfondimenti
31 Maggio 2019
Agenzie Investigative e Controllo del Lavoratore
Intervento presentato l’ 8 ottobre in occasione del convegno nazionale...