Eventi e Ricerche News da Axerta FOCUS INFEDELTÀ CONIUGALE – Viviana 28 anni

Sono fidanzata con Luca da circa 2 anni. Abitiamo a 50 km di distanza e per questo e per motivi di lavoro non riusciamo a vederci molto spesso durante la settimana. 

Sospetto che mi tradisca con una sua collega, nonché amica in comune. 

Fino qualche mese fa, dopo lavoro riusciva sempre a ritagliarsi del tempo dopo lavoro per stare insieme a cena oppure anche solo per un aperitivo. Normalmente, poi, non appena si metteva in macchina per ritornare a casa mi chiamava e passavamo tutto il periodo del suo tragitto al telefono. 

Ho cominciato a notare qualcosa di strano quando casualmente una sera mentre chattavo in WhatsApp con la “nostra amica” in comune mi sono accorta che anche lui era online ma non stava scrivendo a me. Ho pensato che si stesse scrivendo con un suo amico per i risultati della partita, visto che quella sera giocava la sua squadra. 

La sera successiva, sempre per curiosità, ho controllato nuovamente le due connessioni e ho notato che gli orari di connessione e disconnessione coincidevano per molti minuti oppure erano diversi di qualche minuto, e questo per tutta la sera. Ho provato a scrivergli ma mi rispondeva molto in ritardo, chiaramente si stava scrivendo con qualcuno. 

Ho controllato questa strana situazione anche durante la giornata e per tutta la settimana. Gli orari erano sempre uguali. Possono essere solo coincidenze? Si io mi sono imposta che erano solo coincidenze. 

Un pomeriggio mi sono trovata casualmente con la nostra amica mentre facevo la spesa. Ci siamo messe a chiacchierare e mi ha fatto vedere le foto della sua bambina. Mentre guardavo il display è apparso un messaggio da WhatsApp “ si sono ancora in uff, ti chiamo appena esco”. Il mettente aveva le stesse iniziali usate da Luca. Lei era evidentemente agitata. L’ho salutata e me ne sono andata. Poco dopo ho chiamato Luca ed era occupato. Ho chiamato lei con l’anonimo ed era occupata anche lei. 

Ormai non ho più dubbi. E la mia angoscia sale perché so che si vedono tutti i giorni a lavoro e chissà cosa non vedo e non capisco io e cosa può succedere li. 

Cosi ho cominciato a sospettare che si vedessero in pausa pranzo o dopo lavoro. Più volte, quindi, sono uscita prima da lavoro e sono andata a vedere se la macchina di lui e di lei erano ancora parcheggiata fuori dall’ azienda, se non le trovavo chiamavo lui con una scusa banale. Se non mi rispondeva però l ansia aumentava e la mia convinzione cresceva. 

Condividi questa notizia

Iscriviti alla
NEWSLETTER

Vuoi restare aggiornato sui servizi investigativi di Axerta e sugli studi e ricerche del settore?

Non ci sono altri
argomenti correlati