Infortunio sul lavoro: responsabilità del datore anche qualora sia presente un rischio occulto

La Suprema Corte ha affermato che il datore di lavoro è responsabile dell’infortunio del dipendente anche in presenza di un rischio occulto. Più nello specifico, gli Ermellini hanno sottolineato che in tema di prevenzione degli infortuni, il datore di lavoro, avvalendosi della consulenza del responsabile del servizio di prevenzione e protezione, ha l’obbligo giuridico di analizzare e individuare, in base alla sua esperienza e la migliore evoluzione della scienza tecnica, tutti i fattori di pericolo concretamente presenti all’interno dell’azienda e, all’esito, è tenuto a redigere e a sottoporre periodicamente ad aggiornamento il documento di valutazione dei rischi previsto dal Decreto Legislativo n. 81 del 2008, articolo 28, all’interno del quale è tenuto a indicare le misure precauzionali e i dispositivi di protezione adottati per tutelare la salute e la sicurezza dei lavoratori. I giudici hanno, altresì, richiamato consolidato principio della giurisprudenza di legittimità, secondo cui, “La condotta colposa del lavoratore è idonea a interrompere il nesso di causalità tra condotta ed evento se tale da determinare un “rischio eccentrico” in quanto esorbitante dall’area di rischio governata dal soggetto sul quale ricade la relativa gestione. La delimitazione, nella singola fattispecie, del rischio oggetto di valutazione e misura, quindi da gestire, necessita di una sua identificazione in termini astratti, quale rischio tipologico, e successiva considerazione con riferimento alla concreta attività svolta dal lavoratore e alle condizioni di contesto della relativa esecuzione, quindi al rischio in concreto determinatosi in ragione dell’attività lavorativa (rientrante o meno nelle specifiche mansioni attribuite)”. Poiché, nella vicenda in esame, i giudici di secondo grado si erano correttamente attenuti al predetto orientamento, la Suprema Corte rigettava il ricorso e condannava il ricorrente al pagamento delle spese processuali.

 

COMMENTO
a cura di Marilena Guglielmetti – Investigatore Criminologo

Interessante pronuncia che sottolinea il sottile punto di confine tra colpevolezza ed assoluzione del datore di lavoro, dove. A fare la differenza sono quasi sempre le evidenze prodotte a sostegno della tesi difensiva. Si sottolinea quindi il ruolo indiscutibile di un accertamento e raccolta di evidenze in modo professionale e legale, al fine di potersi difendere provando verso il miglior esito giudiziale.

Altri approfondimenti

La sicurezza sul lavoro: soggetti destinatari, valutazione dei rischi, misure di tutela e conseguenze sanzionatorie.

9 Ottobre 2023
  Avv. Silvia RizzatoStudio Legale Barraco   Nell’ambito del rapporto di lavoro l’importanza di fornire adeguata tutela alla vita ed alla salute del lavoratore ha dato vita ad un sistema normativo volto ad assicurare meccanismi di prevenzione e riparativi di eventuali lesioni. Il punto di partenza è rappresentato dalla...

Quando un infortunio sul lavoro diventa penale?

9 Ottobre 2023
  Marilena GuglielmettiInvestigatore Criminologo   L’art. 590 co 3 c.p. disciplina l’ipotesi di lesioni con prognosi superiore a 40 giorni, il procedimento penale si instauri d’ufficio. Questo significa che il procedimento penale avrà inizio anche in assenza di querela della persona offesa. Secondo la Cassazione, il datore di lavoro...

Incidenti sul lavoro: il principio dell’equivalenza delle condizioni – Corte di Cassazione, Sez. Lav., ordinanza n. 32363 del 08/11/2021

9 Ottobre 2023
Con l’ordinanza n. 32363 dell’8 novembre 2021, la Suprema Corte di Cassazione ha affermato che la materia degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali è regolata dal principio dell’equivalenza delle condizioni, secondo cui va riconosciuta efficienza causale ad ogni antecedente che abbia contribuito, anche in maniera indiretta e...