Con la suddetta sentenza i giudici di legittimità hanno messo in evidenza un altro pericolo correlato alla detenzione e all’impiego di criptovalute; ad avviso della Corte, infatti, i bitcoin e, in generale le monete virtuali, rientrerebbero nel novero di quegli strumenti finanziari (a carattere speculativo) idonei ad integrare il reato di autoriciclaggio. Nel caso preso in esame si trattava di disposizioni on line su un conto estero, senza mai essere riscosse, per il successivo acquisto di valuta virtuale il cui impiego finale risultava imprecisato; ponendo così in essere un investimento dei profitti illeciti in operazioni di natura finanziaria, idonee a ostacolare la tracciabilità e la ricostruzione dell’origine delittuosa del denaro. Le criptovalute possono essere ricondotte nell’ambito delle attività speculative in quanto l’acquisto implica il tentativo di raggiungere un utile anche assumendosi il rischio di considerevoli perdite.

 

COMMENTO
a cura di Marilena Guglielmetti – Investigatore Criminologo

Nel caso analizzato il reato di autoriciclaggio sarebbe venuto in rilievo a seguito dell’utilizzo del denaro (proveniente dalla commissione di truffe) per l’acquisto di criptovalute. Nei primi gradi di giudizio, i giudici hanno assunto che il sistema di acquisto di bitcoin si presta ad agevolare condotte illecite, poichè è possibile garantire un alto grado di anonimato (sistema c.d. permissionless), senza previsione di alcun controllo sull’ingresso di nuovi “nodi” e sulla provenienza del denaro convertito.

È ormai noto infatti come l’impiego delle criptovalute nel darkweb, per le loro peculiari caratteristiche, attraverso l’uso di tecniche crittografiche avanzate, garantiscono un elevato livello di privacy sia in relazione alla persona dell’utente sia in relazione all’oggetto delle compravendite.

Altri approfondimenti

Corte di Cassazione ordinanza n. 6468/2024

16 Aprile 2024
L’utilizzo da parte del lavoratore dei permessi ex lege n. 104 per attività diverse dall’assistenza al familiare disabile, violando le finalità per cui il beneficio è concesso, costituisce giusta causa di licenziamento. Lo ribadisce la Corte di Cassazione con l’ordinanza 6468/2024. L’assenza dal lavoro per usufruire del permesso deve...

Corte di Cassazione ordinanza n. 6787/2024

16 Aprile 2024
Lo sciopero va ritenuto legittimo se non determina un danno alla produttività, ma solo un eventuale svantaggio alla produzione. Lo precisa la Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 6787/2024. Il pronunciamento si riferisce al licenziamento irrogato ai lavoratori in sciopero per il trasferimento di un collega e sulla decisione...

Corte di Cassazione, ordinanza n. 6827/2024

16 Aprile 2024
È legittimo il licenziamento per giusta causa dei lavoratori che violano le procedure aziendali esponendo l’impresa a sanzioni. Lo stabilisce la Corte di Cassazione con l’ordinanza 6827/2024. Il caso vedeva coinvolti due dipendenti accusati di aver caricato della merce su un mezzo aziendale in modo irregolare, in aperta violazione...