Elementi costitutivi dell’illecito dell’ente: compresenza della relazione organica e teleologica tra soggetto responsabile e l’ente, colpa di organizzazione, reato presupposto e nesso causale

Sotto questo profilo la Suprema Corte (cfr. Sez. IV, n. 32899/2021) ha efficacemente osservato che proprio l’enfasi posta sul ruolo della colpa di organizzazione e l’assimilazione della stessa ala colpa, intesa quale violazione di regole cautelari, convince che la mancata adozione e l’inefficace attuazione degli specifici modelli di organizzazione e di gestione prefigurati dal legislatore rispettivamente agli artt. 6 e 7′ del decreto n. 231 del 2001 ed all’art. 30 del dl.gsvo n. 81 del 2008 non può assurgere ad elemento costitutivo della tipicità dell’illecito dell’ente, ma integra una circostanza atta ex lege a dimostrare che sussista la colpa di organizzazione, che va però specificamente provata dall’accusa, mentre l’ente può dare dimostrazione dell’assenza di tale colpa. Pertanto gli elementi costitutivi dell’illecito dell’ente, oltre alla compresenza della relazione organica e teleologica tra il soggetto responsabile del reato presupposto e l’ente (cd. immedesimazione organica), sono la colpa di organizzazione, appunto, il reato presupposto ed il nesso causale che deve correre tra i due.


COMMENTO
a cura di Marilena Guglielmetti – Investigatore Criminologo

Nella specie quindi la Corte territoriale non ha motivato sulla concreta configurabilità di una colpa di organizzazione dell’ente, non ha approfondito l’aspetto relativo al concreto assetto organizzativo adottato dall’impresa in tema di prevenzione dei reati della specie di quelli del quale qui ci si occupa, né ha stabilito se tale elemento abbia avuto incidenza causale rispetto alla verificazione del reato presupposto. La impugnata sentenza va pertanto annullata con riferimento alle osservazioni sopra formulate, restando così assorbito l’ultimo motivo di impugnazione. L’ente quindi se riesce a dare piena prova all’assenza di colpa deve essere assolto.

Altri approfondimenti

Whistleblowing: la tutela del segnalante in linea con la ratio della normativa

21 Febbraio 2024
T.A.R. Lazio Roma, Sez. stralcio, Sent., 28/12/2023, n. 19813 La vicenda in esame trae origine dalla segnalazione trasmessa tramite l’apposita piattaforma sulla tutela Whistleblowing. La ricorrente comunicava di aver subito misure ritorsive e discriminatorie a seguito di due segnalazioni, presentate ai vertici dell’Azienda, e relative a condotte irregolari riguardanti...

Greenwashing, normative europee e prassi: la sfida della trasparenza nel marketing ambientale

21 Febbraio 2024
    Barbara SartoriAvvocato e Partner CBA   Recenti studi hanno evidenziato come i consumatori, specie quelli più giovani, sempre più attenti e consapevoli, sono particolarmente sensibili alle tematiche ambientali, tanto da essere propensi a spendere di più per acquistare prodotti provenienti da aziende che attuino serie e credibili...

La prima ordinanza cautelare in materia di “Greenwashing: le conseguenze della pubblicità ingannevole

21 Febbraio 2024
Tribunale di Gorizia, ordinanza del 26 Novembre 2021 COMMENTO a cura di Marilena Guglielmetti – Investigatore Criminologo La prima ordinanza cautelare in materia di “Greenwashing” è stata emessa dal Tribunale di Gorizia il 26 novembre del 2021. Nello specifico, in data 25 novembre 2021 il Tribunale di Gorizia ha...