Elementi costitutivi dell’illecito dell’ente: compresenza della relazione organica e teleologica tra soggetto responsabile e l’ente, colpa di organizzazione, reato presupposto e nesso causale

Sotto questo profilo la Suprema Corte (cfr. Sez. IV, n. 32899/2021) ha efficacemente osservato che proprio l’enfasi posta sul ruolo della colpa di organizzazione e l’assimilazione della stessa ala colpa, intesa quale violazione di regole cautelari, convince che la mancata adozione e l’inefficace attuazione degli specifici modelli di organizzazione e di gestione prefigurati dal legislatore rispettivamente agli artt. 6 e 7′ del decreto n. 231 del 2001 ed all’art. 30 del dl.gsvo n. 81 del 2008 non può assurgere ad elemento costitutivo della tipicità dell’illecito dell’ente, ma integra una circostanza atta ex lege a dimostrare che sussista la colpa di organizzazione, che va però specificamente provata dall’accusa, mentre l’ente può dare dimostrazione dell’assenza di tale colpa. Pertanto gli elementi costitutivi dell’illecito dell’ente, oltre alla compresenza della relazione organica e teleologica tra il soggetto responsabile del reato presupposto e l’ente (cd. immedesimazione organica), sono la colpa di organizzazione, appunto, il reato presupposto ed il nesso causale che deve correre tra i due.


COMMENTO
a cura di Marilena Guglielmetti – Investigatore Criminologo

Nella specie quindi la Corte territoriale non ha motivato sulla concreta configurabilità di una colpa di organizzazione dell’ente, non ha approfondito l’aspetto relativo al concreto assetto organizzativo adottato dall’impresa in tema di prevenzione dei reati della specie di quelli del quale qui ci si occupa, né ha stabilito se tale elemento abbia avuto incidenza causale rispetto alla verificazione del reato presupposto. La impugnata sentenza va pertanto annullata con riferimento alle osservazioni sopra formulate, restando così assorbito l’ultimo motivo di impugnazione. L’ente quindi se riesce a dare piena prova all’assenza di colpa deve essere assolto.

Edizioni precedenti

L’assistenza tecnica a supporto delle investigazioni difensive nell’ambito degli infortuni sul lavoro

27 Gennaio 2023
  Stefano MartinazzoResponsible Forensic Accounting, Internal Audit & Litigation Axerta S.p.A. Traendo spunto dall’interessante articolo di apertura – a cura dell’Avv. Gian Filippo Schiaffino di AMTF – dell’attuale edizione de Il Punto, va innanzitutto rilevata la necessita sempre più sentita tra i penalisti di coinvolgere il consulente tecnico in...

Le indagini difensive nel processo penale per infortunio sul lavoro

27 Gennaio 2023
  Avv. Gian Filippo SchiaffinoPartner fondatore AMTF Avvocati   La violazione degli artt. 589 e 590 c.p. nei luoghi di lavoro. I poteri della difesa nella fase preprocessuale e a seguito dell’avviso di conclusione delle indagini ex art. 415 bis c.p.p. 3. Le strategie difensive dell’azienda: l’importanza della predisposizione...

Corte di Giustizia dell’UE, sentenza n. 950/10 del 1/12/2022 in materia di frodi carosello e decadenza dal diritto alla detrazione IVA

27 Gennaio 2023
Secondo una giurisprudenza costante della Corte, poiché il diniego del diritto a detrazione è un’eccezione all’applicazione del principio fondamentale che tale diritto costituisce, incombe alle autorità tributarie dimostrare adeguatamente gli elementi oggettivi che consentono di concludere che il soggetto passivo ha commesso un’evasione dell’IVA o sapeva o avrebbe dovuto...