Con la sentenza indicata la Corte di Cassazione ha ritenuto che i file sono riconducibili al concetto di cosa mobile, oggetto di appropriazione indebita. L’imputato, al momento delle dimissioni dall’azienda per la quale lavorava, aveva copiato i dati presenti sul notebook aziendale, a lui affidato nel corso del rapporto di lavoro, sul proprio personal computer, successivamente cancellando dal notebook i file all’interno dei quali i dati erano originariamente contenuti.

La Corte d’Appello lo aveva ritenuto responsabile di appropriazione indebita (646 c.p.), mentre lo aveva assolto in ordine al delitto di cui all’art. 635 quater c.p. (danneggiamento di sistemi informatici o telematici), in quanto, mancando la prova del contenuto dei dati, dei programmi e delle informazioni, era impossibile affermare che la loro cancellazione avesse danneggiato il sistema informatico. La Corte di cassazione rigetta il ricorso dell’imputato e conferma la condanna per il reato di cui all’art. 646 c.p., ritenendo che i file sono riconducibili al concetto di “cosa mobile” oggetto di appropriazione indebita.

 

COMMENTO
a cura di Marilena Guglielmetti – Investigatore Criminologo

Una sentenza molto interessante che sottolinea il concetto di file quale cosa mobile e quindi il suo improprio impossessamento provato diventa un reato.

Altri approfondimenti

Corte di Cassazione ordinanza n. 6468/2024

16 Aprile 2024
L’utilizzo da parte del lavoratore dei permessi ex lege n. 104 per attività diverse dall’assistenza al familiare disabile, violando le finalità per cui il beneficio è concesso, costituisce giusta causa di licenziamento. Lo ribadisce la Corte di Cassazione con l’ordinanza 6468/2024. L’assenza dal lavoro per usufruire del permesso deve...

Corte di Cassazione ordinanza n. 6787/2024

16 Aprile 2024
Lo sciopero va ritenuto legittimo se non determina un danno alla produttività, ma solo un eventuale svantaggio alla produzione. Lo precisa la Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 6787/2024. Il pronunciamento si riferisce al licenziamento irrogato ai lavoratori in sciopero per il trasferimento di un collega e sulla decisione...

Corte di Cassazione, ordinanza n. 6827/2024

16 Aprile 2024
È legittimo il licenziamento per giusta causa dei lavoratori che violano le procedure aziendali esponendo l’impresa a sanzioni. Lo stabilisce la Corte di Cassazione con l’ordinanza 6827/2024. Il caso vedeva coinvolti due dipendenti accusati di aver caricato della merce su un mezzo aziendale in modo irregolare, in aperta violazione...