Marilena Guglielmetti
Investigatore Criminologo

 


Per Greenwashing si intende quella strategia di comunicazione e/o di marketing adottata da una azienda che presenta la sua attività come ambientalmente sostenibile, cercando di nascondere il negativo impatto ambientale. Lo stesso termine greenwashing nasce dall’unione delle parole “green”, inteso, appunto, come ecologico, e “whitewashing”, metaforicamente inteso come “nascondere”, “coprire”.

Con l’uso di questa tecnica l’azienda crea un’immagine “verde” di sé al fine di attrarre investitori e consumatori, oggi più che mai attenti alla sostenibilità. L’adozione di questa strategia comunicativa, però, non riflette la reale strategia produttiva e industriale che di eco-sostenibile ha ben poco. Per essere “green”, infatti, l’azienda deve comportarsi in maniera responsabile oltre che adottare una visione di sviluppo sostenibile a trecentosessanta gradi. Deve, in sintesi, cambiare profondamente la sua cultura aziendale in tutti i suoi ambiti, non limitandosi a proclamarsi sostenibile nelle campagne pubblicitarie.

Tale strategia si può riconoscere attraverso: comunicazione scorretta con linguaggio vago, generico e poco trasparente ovvero con un linguaggio estremamente tecnico da risultare incomprensibile per i clienti; indicazione reticente e omissiva dei dati, senza un vero e proprio riferimento all’interezza del processo produttivo oppure mancata dimostrazione delle prestazioni sostenibili dei prodotti definiti tali; l’uso continuo di parole e/o slogan per attirare l’attenzione dei consumatori come eco-green, eco-friendly ed eco-sostenibile; l’uso di immagini suggestive, con prevalenza di sfumature di verde o di soggetti naturali che evocano un certo interesse del marchio o del prodotto in questioni ambientali; prezzi bassi; pubblicizzare dati e informazioni – si ribadisce non veritieri – comprovati con autocertificazioni e non con dati di enti autorevoli.

Porre un’attenzione concreta alla compliance aziendale, oggi deve essere la priorità in aderenza alla normativa nazionale ed europea. Importantissima a tale scopo la normativa sulle segnalazioni che potenzia l’eticità nelle azienda attraverso canali sicuri.

A corollario di tutto l’accertamento e la documentazione di evidenze contra legem in questo settore mirano ad evitare la responsabilità dell’ente ed alla tutela del patrimonio aziendale virtuoso versus i truffaldini che rovinano il mercato.

Altri approfondimenti

Corte di Cassazione ordinanza n. 6468/2024

16 Aprile 2024
L’utilizzo da parte del lavoratore dei permessi ex lege n. 104 per attività diverse dall’assistenza al familiare disabile, violando le finalità per cui il beneficio è concesso, costituisce giusta causa di licenziamento. Lo ribadisce la Corte di Cassazione con l’ordinanza 6468/2024. L’assenza dal lavoro per usufruire del permesso deve...

Corte di Cassazione ordinanza n. 6787/2024

16 Aprile 2024
Lo sciopero va ritenuto legittimo se non determina un danno alla produttività, ma solo un eventuale svantaggio alla produzione. Lo precisa la Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 6787/2024. Il pronunciamento si riferisce al licenziamento irrogato ai lavoratori in sciopero per il trasferimento di un collega e sulla decisione...

Corte di Cassazione, ordinanza n. 6827/2024

16 Aprile 2024
È legittimo il licenziamento per giusta causa dei lavoratori che violano le procedure aziendali esponendo l’impresa a sanzioni. Lo stabilisce la Corte di Cassazione con l’ordinanza 6827/2024. Il caso vedeva coinvolti due dipendenti accusati di aver caricato della merce su un mezzo aziendale in modo irregolare, in aperta violazione...