La Corte di Cassazione, con l’ordinanza del 27 maggio 2022, n. 17287, ha confermato la legittimità del licenziamento di un lavoratore, eletto quale rappresentante per la sicurezza dei lavoratori, che nei giorni in cui godeva di permessi connessi al suo incarico era stato visto frequentare vari bar, effettuare passeggiate sul lungomare, entrare in esercizi commerciali ed attendere ad incombenze familiari.

 

COMMENTO
a cura di Marilena Guglielmetti – Investigatore Criminologo

Tale pronuncia torna ad affrontare anche il tema etico importantissimo della lealtà del dipendente che non solo non adempie ai propri doveri contrattuali, ma devia l’impiego del proprio tempo verso attività di natura ludica e personale. Tali comportamenti se accertati e documentati rappresentano una probabile garanzia di vittoria in caso di contenzioso in materia giuslavoristica, al fine di evitare danni ulteriori al datore di lavoro, oltre a rappresentare un monito verso chi invece adempie in modo virtuoso ai propri doveri contrattuali. In tale ipotesi verificata la sussistenza dei fatti ascritti al lavoratore anche all’esito dell’istruttoria svolta, ha valutato la gravità delle condotte contestate sotto l’aspetto soggettivo, attribuendo particolare rilevanza alla qualifica del loro autore, investito della funzione di rappresentante per la sicurezza, quindi di un ruolo significativo in ambito aziendale, conferitogli a tutela di interessi comuni.

Altri approfondimenti

Whistleblowing: la tutela del segnalante in linea con la ratio della normativa

21 Febbraio 2024
T.A.R. Lazio Roma, Sez. stralcio, Sent., 28/12/2023, n. 19813 La vicenda in esame trae origine dalla segnalazione trasmessa tramite l’apposita piattaforma sulla tutela Whistleblowing. La ricorrente comunicava di aver subito misure ritorsive e discriminatorie a seguito di due segnalazioni, presentate ai vertici dell’Azienda, e relative a condotte irregolari riguardanti...

Greenwashing, normative europee e prassi: la sfida della trasparenza nel marketing ambientale

21 Febbraio 2024
    Barbara SartoriAvvocato e Partner CBA   Recenti studi hanno evidenziato come i consumatori, specie quelli più giovani, sempre più attenti e consapevoli, sono particolarmente sensibili alle tematiche ambientali, tanto da essere propensi a spendere di più per acquistare prodotti provenienti da aziende che attuino serie e credibili...

La prima ordinanza cautelare in materia di “Greenwashing: le conseguenze della pubblicità ingannevole

21 Febbraio 2024
Tribunale di Gorizia, ordinanza del 26 Novembre 2021 COMMENTO a cura di Marilena Guglielmetti – Investigatore Criminologo La prima ordinanza cautelare in materia di “Greenwashing” è stata emessa dal Tribunale di Gorizia il 26 novembre del 2021. Nello specifico, in data 25 novembre 2021 il Tribunale di Gorizia ha...