Eleonora Casarotti
Case Analyst, Direzione Investigativa Axerta

 


L’intelligenza artificiale ad oggi non è intelligente né senziente, tuttavia per le sue future potenzialità, è inedita e affascinante. L’I.A. attuale e in previsione quella futura disgiunge la capacità di fare ed “agire” un dato compito dall’essere intelligente. Per sua natura si nutre di grandissime quantità di dati: è per questo motivo parte del nostro mondo, quello delle investigazioni. Come tutte le risorse dalle immense potenzialità, nasconde delle insidie e in tale ambito bene si inserisce il contributo degli illustrissimi Avvocati Marco Galli e Massimiliano Curcé, che affronta un argomento di estrema attualità come L’IA e ci focalizza sul tema a Noi caro, quello della TRASPARENZA e della LEGALITÀ. Occorre infatti sottolineare che ogni strumento anche il più innovativo e futuristico, quale oggi è l’ I.A., deve necessariamente essere declinato in Compliance con le normative esistenti, quali GDPR, MOG 231 e Antiriciclaggio. Questo affinché nessuna decisione automatizzata errata possa essere utilizzabile a danno di aziende, lavoratori o terze parti. Tale approccio di trasparenza rappresenta un plus per la tutela dei virtuosi nel senso garantistico. Axerta quale imprescindibile sua best practice, pone in essere solo azioni nel rispetto della legalità, con quel rigore che rappresenta un monito per coloro che mettono in atto comportamenti scorretti. Detta modalità, garantita anche dalla normativa italiana ed EU indicata dagli esperti dello studio Gattai, è in perfetta sinergia con la mission di Axerta che dopo 60 anni di attività, continua a garantire il rispetto della legalità nei servizi che offre, anche con le nuove tecniche investigative in ambito Cyber e Digital. L’intelligenza artificiale è già usata massivamente da almeno due decenni, dagli algoritmi dei social networks, dalle piattaforme di streaming e utilizzata per effettuare acquisti online. Anche nel mondo delle Investigazioni l’I.A. ha già modificato gli scenari e le possibilità, tanto che un individuo è caratterizzato sempre più dalle “impronte” che lascia sul web, oltreché tracciato da algoritmi che ne codificano e definiscono le scelte, i comportamenti e le idee, tanto da poter affermare che ogni individuo possiede una doppia identità: reale e virtuale. Anche le Polizie di moltissimi Paesi hanno ormai adottato algoritmi predittivi dei reati per simulare scenari probabilistici, e in questo ambito I.A. ha fornito il suo contributo, con software di riconoscimento e tracciamento, in importanti operazioni, non ultima la cattura recente del latitante tra i più ricercati al mondo, Matteo Messina Denaro. Questo strumento, nelle sue diverse declinazioni, viene quindi utilizzato a livello globale per migliorare efficacia ed efficienza cognitiva in ambito sicurezza, antifrode, intelligence e indagini, tanto che gran parte degli alert antiriciclaggio proviene da algoritmi che segnalano potenziali sospetti casi alle rispettive compagnie e/o autorità. Strettamente connessa con la I.A. anche la nostra BU Digital, che nel fornire servizi a tutela preventiva per le aziende in materia di cybercrime, ben rappresenta un importante strumento di protezione aziendale nel fare emergere tutte le frodi ed attacchi da remoto, oggi sempre più diffusi. Ecco quindi che informare e formare oggi rappresenta un’imprescindibile opportunità di crescita per tutte le parti coinvolte, ma anche e soprattutto un prezioso strumento a difesa delle medesime. Axerta porta avanti, da oltre 60 anni questo monito di innovazione, trasparenza e legalità, che siamo lieti di vedere allinearsi anche con gli strumenti più innovativi che il mondo digitale ci mette a disposizione in cui l’Intelligenza Artificiale potrebbe essere il nuovo paradigma.

Altri approfondimenti

Corte di Cassazione ordinanza n. 6468/2024

16 Aprile 2024
L’utilizzo da parte del lavoratore dei permessi ex lege n. 104 per attività diverse dall’assistenza al familiare disabile, violando le finalità per cui il beneficio è concesso, costituisce giusta causa di licenziamento. Lo ribadisce la Corte di Cassazione con l’ordinanza 6468/2024. L’assenza dal lavoro per usufruire del permesso deve...

Corte di Cassazione ordinanza n. 6787/2024

16 Aprile 2024
Lo sciopero va ritenuto legittimo se non determina un danno alla produttività, ma solo un eventuale svantaggio alla produzione. Lo precisa la Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 6787/2024. Il pronunciamento si riferisce al licenziamento irrogato ai lavoratori in sciopero per il trasferimento di un collega e sulla decisione...

Corte di Cassazione, ordinanza n. 6827/2024

16 Aprile 2024
È legittimo il licenziamento per giusta causa dei lavoratori che violano le procedure aziendali esponendo l’impresa a sanzioni. Lo stabilisce la Corte di Cassazione con l’ordinanza 6827/2024. Il caso vedeva coinvolti due dipendenti accusati di aver caricato della merce su un mezzo aziendale in modo irregolare, in aperta violazione...