Lo sciopero va ritenuto legittimo se non determina un danno alla produttività, ma solo un eventuale svantaggio alla produzione. Lo precisa la Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 6787/2024.

Il pronunciamento si riferisce al licenziamento irrogato ai lavoratori in sciopero per il trasferimento di un collega e sulla decisione aveva pesato, per l’azienda, una rissa tra esponenti di sigle sindacali diverse.

I giudici sottolineano che l’esercizio del diritto di sciopero va ritenuto illecito se appare idoneo a pregiudicare in modo irrimediabile non la produzione, ma la produttività dell’azienda, vale a dire la possibilità per l’imprenditore di proseguire nella sua iniziativa economica.

L’illiceità si ravvisa se lo sciopero provoca la distruzione o una inutilizzabilità duratura degli impianti con la compromissione dell’interesse generale alla preservazione dei livelli di occupazione: elementi non ritenuti presenti nel caso in questione.

 

COMMENTO
a cura di Marilena Guglielmetti – Investigatore Criminologo

Il diritto di scioperare, sebbene sacrosanto, deve mantenersi nel rispetto di alcune regole che se violate e documentate possono essere causa di conseguenze su chi se ne sia reso responsabile. Tale pronuncia mostra i confini tra ciò che è consentito e non. Ovviamente le segnalazioni e le conseguenti eventuali accertamenti rappresentano una prova di grande interesse.

Altri approfondimenti

Corte di Cassazione ordinanza n. 6468/2024

16 Aprile 2024
L’utilizzo da parte del lavoratore dei permessi ex lege n. 104 per attività diverse dall’assistenza al familiare disabile, violando le finalità per cui il beneficio è concesso, costituisce giusta causa di licenziamento. Lo ribadisce la Corte di Cassazione con l’ordinanza 6468/2024. L’assenza dal lavoro per usufruire del permesso deve...

Corte di Cassazione, ordinanza n. 6827/2024

16 Aprile 2024
È legittimo il licenziamento per giusta causa dei lavoratori che violano le procedure aziendali esponendo l’impresa a sanzioni. Lo stabilisce la Corte di Cassazione con l’ordinanza 6827/2024. Il caso vedeva coinvolti due dipendenti accusati di aver caricato della merce su un mezzo aziendale in modo irregolare, in aperta violazione...

Mirato SpA: un percorso di eccellenza tra tradizione e avanguardia nella sostenibilità e sicurezza sul lavoro

16 Aprile 2024
Nel contesto industriale italiano, Mirato SpA emerge come una realtà di spicco nel settore dell’igiene personale e della cosmesi, tracciando un percorso che da oltre mezzo secolo combina tradizione imprenditoriale e innovazione. Dall’introduzione del marchio Splend’Or negli anni ’60, l’azienda ha percorso una strada di continua crescita, arricchendo il...